Assessori silenziosi e problemi irrisolti

Per l’assessore Fresi la risoluzione al problema dei liquami e dei cattivi odori nel Porto di Cannigione è dunque il passaggio della gestione degli impianti ad Abbanoa fino a poco tempo fa in carico al Comune.

Per i cittadini, poco cambia. Il problema persiste a prescindere da chi abbia la gestione. Le sue parole, che non smentiscono il fatto oggettivo ma cercano di orientare verso altre questioni la discussione, confermando il sistema dello scaricabarile tanto caro a questa amministrazione.

L’assessore, non soddisfatto di attribuire a terzi eventuali responsabilità, coinvolge anche i delegati alla portualità e all’ambiente, forse dimenticandosi che fanno parte della stessa maggioranza.

Forse farebbe bene a uscire dal suo silenzio e confrontarsi con loro e con i cittadini, visto che la materia in questione è certamente di sua competenza. Così come è competenza di un consigliere comunale di minoranza, farsi portavoce di problemi e di segnalazioni che non trovano risposta.

Piuttosto che arrabbiarsi con chi evidenzia problematiche oggettive e fare basse insinuazioni, farebbe bene a trovare soluzioni efficaci per eliminare il problema. Siamo ben felici di accogliere la notizia di un nuovo finanziamento di 115.000 euro, ma siamo anche realisti nel valutare che le risorse siano molto al di sotto di quello che serve per sistemare le problematiche di Cannigione e della strada di Baja Sardinia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *